Cronaca di un Nirvana Catalano: Can Paixano

IMG_20150807_113210
L’entrata del Can Paixano a Barcellona.

Quando ho deciso di andare in vacanza in Spagna, ero consapevole dell’enorme quanto variegatissimo background enogastronomico che questa terra poteva vantare. Ne ero sì consapevole, ma mai mi sarei aspettato di trovare una vera e propria Eldorado di sapori, e soprattutto che essi potessero arrivarmi in maniera così forte e decisa. In quel poco tempo concessomi dal panta rei universitario, ho avuto modo di percepire la vera essenza della cucina spagnola, senza perdermi nei suoi meandri e destreggiandomi con quella che potrei definire timida disinvoltura tra la grande varietà di pietanze e bevande che tale nazione mi potesse offrire: sono rimasto mentally based, così da avere un assaggio di tutto ciò che più si confaceva alle mie corde e che più consiglierei ad un amico o un familiare che si trovasse in Spagna per lavoro o svago. Così facendo, non mi sono fermato alla paella (pur avendone provata una fantastica in El Palmar, “cuore della gastronomia valenciana”) ma mi sono aperto a chorizo, fartons, orzata, agua de Valencia, vermut … Ai fini della reale utilità di tale blog, sarebbe dunque stupido avere la presunzione di stilarne una guida (che ovviamente risulterebbe alquanto approssimativa data la condizione di turista con la quale mi sono appropinquato a tali luoghi), ma ho intenzione di scrivere del luogo più mi ha ispirato, ammaliato, entusiasmato, deliziato nell’epicentro della Catalogna: Barcellona.

Prezzi e Bancone di Lavoro
Prezzi e bancone di lavoro.

Bastano due parole … Can Paixano: ogni catalano o turista con precedenti a Barcellona, amante del BelCibo, capirà. Sì casinista, ma una vera Arcadia di sapori! Immaginatelo, figuratevelo mentalmente, sognatelo, qui tutto è lecito! L’altro nome con il quale è conosciuto questo posto che sfugge ad ogni sorta di etichetta è La Xampanyeria, per la bella varietà di vino di Cava e Champagne che offre. Grandi tutti e tre i panini e lo Champagne Rosé provati , tra l’altro, alle 11:45 di mattina nel locale già pieno: si mangia così, in piedi, magari smezzando qualcosa col tipo che ti sta di fianco (per evitare tutto questo trambusto consiglio di andarci la mattina verso le 11:30 o mezzogiorno, oppure la sera massimo per le 19:15).

Pane con salsa al pomodoro e Jamon Serrano
Pane con salsa al pomodoro e Jamon Serrano.
Panino con Foie Gras e formaggio.
Panino con Foie Gras e formaggio.

La prima sera che mi ci accostai riuscii a stento ad entrare, ma non ordinai nulla a causa della grandissima mole di gente e del chaos che vi regnava sovrano. Fui turbato sulle prime, ma in seguito ebbi modo di chiedermi: cos’avrà di tanto speciale questo posto? Cos’è che le persone trovano qui e in nessun altro locale, forse, di Barcellona? La verità è che ci si trova un mondo: vino, champagne, salumi, formaggi, creme, pane… Tanti sapori e profumi che non basterebbero aggettivi …Fantastico! (Eccone uno 😛 ) Tornando al cibo, i tre panini con i quali ho avuto una liaison per qualche minuto erano sublimi: uno con foie gras e formaggio, un altro con salsa al pomodoro e jamon serrano (tradizionale tapas catalana), e infine il più buono, quello che mi sono realmente goduto di più: il panino con un fantastico Chorizo!

Panino con Chorizo
Panino con Chorizo.

Grasso appena utile a impegnare il pane (ottimo, fragrante, croccanticcio all’esterno ma morbidissimo all’interno), sapore piccante e rotondo al punto giusto, ottima croccantezza esterna… non ci sono parole per descriverlo! Ed anche lo Champagne, contro ogni più rosea previsione, era fantastico: piccolo prezzo (davvero!), grandi note olfattive e ricchezza al palato. Frizzante al punto giusto, ottimo per accompagnare quei piccoli capolavori.

Calice di Champagne Rosé
Calice di Champagne Rosé.

Ora, così come mi feci delle domande io la prima volta che ci andai, anche il lettore si farà una domanda che già immagino: ” Ti sei ipotecato casa? Hai dovuto spendere tutto il budget preventivato per la vacanza?”. Ebbene no, signori: tutto quello che avete letto (e perché no?, pregustato mentalmente) l’ho assaporato per una cifra tra i 7 e gli 8 euro! Se mai un giorno vi doveste trovare nella zona del porto di Barcellona (Port Vell), e vorrete deliziarvi al miglior tapas/bocadillos bar (va bene come definizione per un piccolo universo?) di Barcellona provate ad andarci, sacrificate un drink in disco, sono sicuro che non vi deluderà così come non ha deluso me!

IMG_20150807_115222
Hasta luego, Can Paixano! 🙂
Annunci

Un pensiero riguardo “Cronaca di un Nirvana Catalano: Can Paixano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...